Author Topic: Intervista a Robert su Sirius  (Read 6563 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline chinesewhispers

  • Newfan
  • **
  • Posts: 127
  • Karma: 11
Intervista a Robert su Sirius
« on: May 26, 2009, 17:43:12 »
Durante lo speciale Cure sulla radio satellitare americana Sirius, Robert Smiha ha rilasciato un'intervista in cui ha parlato del prossimo album dei Cure, ossia la seconda parte di 4:13 che questa volta sarà 'nightmare'. Ha detto che le parti musicali sono già pronte, le parti vocali, invece, devono essere ancora registrate. Nel nuovo album 'dark' ci saranno molte parti di tastiere.

ecco la trscrizione in italiano dell'intervista:

Ho un comportamento ossessivo. Riascolto ogni concerto per correggere ciò che mi piace o no. Questo modo di fare ripaga.
Si riprova molto di più adesso che prima.
Si è più pronti a salire sul palco adesso. Non ho mai la tremarella quando salgo sul palco. Dimentico le parole ma non mi importa. Siamo una delle rarissime band al mondo che suonano per più di tre ore tutte le sere, e lo si fa con piacere. E la cosa migliora di sera in sera.
Da qualche anno facciamo dei concerti prima che esca l'album, non l'avevamo mai fatto prima. Eppure avevamo già 85 pezzi in repertorio!
Abbiamo suonato solo cinque nuove canzoni durante l’ultimo tour. Abbiamo suonato ciò che la gente vuole sentire suonare, senza imporre nessuna cosa. Le cose avanzano e cambiano dolcemente. Quando mi guardo indietro, constato il cambiamento.
C’è uno zoccolo duro di fans che seguono tutti i concerti e che vorrebbero ascoltare dei titoli diversi tutte le sere. A Los Angeles, l’ultima volta, in due serate, abbiamo suonato più di 50 titoli diversi, se venite a due show, avete diritto a qualcosa di particolare. Prima mi concentravo più sugli stati d’animo del momento, ora mi preoccupo molto di più di far divertire il mio pubblico. I concerti sono sempre più lunghi. Ci sono fasi diverse nei concerti adesso. In fondo in fondo, è più affascinate…abbiamo riconquistato quel gusto di suonare che avevamo perso dopo alcuni anni. Si era più un gruppo perché eravamo in tanti, ma non si era un gruppo inteso come entità.
A conti fatti, negli ultimi dieci anni, non si era più concentrati sul fatto di essere un gruppo, e per essere un gruppo i rapporti devono essere più che buoni tra coloro che ne fanno parte.
Per quanto riguarda il nuovo album, ne abbiamo un secondo, ipotetico, per le mani, si è iniziato a suonarlo live, mancano solo le parti vocali da registrare sul disco. Per ora è terminato, non mi resta che registrare le parti vocali.
Penso che si sia fatto del nostro meglio dopo moltissimo tempo. L’ho lasciato molto grezzo, con noi che suoniamo e basta. Abbiamo fatto una canzone al giorno, per 40 giorni. Poi ci sono ritornato sopra, e abbiamo apportato delle modifiche. Ma certi pezzi che erano veramente sconvolgenti, e che erano stati già registrati, li ho lasciati così come erano. Gli ultimi due album, li abbiamo spesso rimaneggiati, questo invece ha conservato una certa freschezza.
Le canzoni sono molto diverse le une dalle altre sull’album ma sono state partorite allo stesso modo: nello stesso studio, dalle stesse persone, negli stessi posti…..è solo il nostro modo di sentire la musica che è diverso, e questo ci piace terribilmente.
C’è veramente un miscuglio di base. Io adoro questo miscuglio.
Tutte le canzoni sono state registrate direttamente in studio. E sta arrivando il secondo atto, altrimenti mancherebbe una parte per poter comprendere il tutto. A mancare è la parte veramente emozionale. 4:13 è la parte ‘senza riflessione’ dei Cure.
La parte ‘incubo’ (4:13 Nightmare ?) sarà qualcosa di veramente diverso, ciò che i fans aspettano, con più tastiere. All’inizio avrei voluto che 4:13 fosse come The Head On The Door, poi si è scelto di includere in esso delle canzoni meno pop come ‘Scream’ e ‘It’s over’.
‘Underneath The Stars’ è diventata la canzone preferita perché con essa abbiamo aperto i concerti, mentre ‘The Perfect Boy’ è la tipica canzone pop alla Cure.
Come è il 2009 per il gruppo?
Si è stati prudenti, l’industria del disco non spinge un gruppo come i Cure. All’inizio stavamo tutto il tempo insieme, parlando del gruppo, e la registrazione di un album era un qualcosa inscindibile dalle nostre vite private, ma ora che siamo un gruppo vecchio, ognuno vive la propria vita in modo diverso e separato, ci si ritrova per le registrazioni e per il tour che sono completamente separate dalle vite di ciascuno. Basta dire che non abbiamo la stessa cerchia di amicizie, per esempio.
L’unica cosa è che bisogna andare avanti.
Diventando vecchi si scopre che esistono altre cose interessanti rispetto al gruppo nella vita, e il non rimanere tutto il tempo insieme noi quattro, ci consente di non essere stanchi del gruppo.
Si è presi un po’ per i fondelli dall’industria dei dischi.
Non facciamo più album pensando di andare al primo posto nelle classifiche mondiali, lo si faceva prima, saremmo degli idioti se lo pensassimo adesso.
Ciò che è bizzarro è che in concerto stiamo attenti al pubblico, ma per quanto riguarda le registrazioni in studio ce ne freghiamo, le facciamo pensando a noi e a come sentiamo le cose.
Sono una persona molto pudica, lo sono sempre stato, non voglio parlare di cose che non siano relative ai Cure. La mia vita privata e i Cure sono due cose separate.
Ho una vita normale, lavoro anche se il mio lavoro non è veramente un lavoro.
Non mi piace avere degli animali, non perché sono un negligente, ma perché viaggio molto. Durante il mio tempo libero faccio ciò che fanno tutti gli altri.
Ho letto moltissimi vecchi libri e continuo a leggere moltissimo.
Molti sono affezionati al gruppo. La stessa sera in cui abbiamo suonato a Los Angeles il nostro myspace secret show, hanno suonato anche dei gruppi cover come i Cursed e i Cured, poi ci sono quegli ‘scemi’ che sono in prima fila d’abitudine.
Cambiare la line up spesso ha fato sì che la band non facesse sempre le stesse cose in 30 anni di carriera. È duro lavorare con me, perché si fa come voglio io, in realtà, ascolto molto di più gli altri di quanto possa sembrare. Prendo in considerazione le loro impressioni.
All’inizio il gruppo era un gruppo emozionale, dopo è diventato un gruppo pop, siamo stati definiti ‘gotici’, ma sebbene questo siamo conosciuti in tutto il mondo come un gruppo di canzoni pop.
Il lato Cure emozionale è quello che mi interessa di più, e per esso che continuo con il gruppo. Non ne fare parte se suonasse solo canzoni alla ‘Lovecats’. La musica è onesta e si è toccati solo dalle cose che sono emozionali.

..........................................

Poi ha presentato anche la sua classifica delle 30 canzoni più significative degli anni 80. Eccola (i commenti di Robert sono stati trascritti da COF).

"Robert's Top 30 of the 80s intros"
MY TOP THIRTY 80'S SONGS
IN CASE YOU MISSED IT... MY TOP THIRTY 80'S SONGS (THIS MEMORIAL DAY WEEKEND!) IN ALPHABETICAL ORDER WERE:
ABC - THE LOOK OF LOVE / THE ASSOCIATES - TELL ME EASTER'S ON FRIDAY / BANANARAMA & FUN BOY THREE - IT AIN'T WHAT YOU DO IT'S THE WAY THAT YOU DO IT / DAVID BOWIE - LET'S DANCE / KATE BUSH - CLOUDBUSTING / COCTEAU TWINS - PERSEPHONE / CRISTINA - THINGS FALL APART / DAF - SEX UNTER WASSER / DEPECHE MODE - PERSONAL JESUS / DINOSAUR JR - FREAK SCENE / ECHO AND THE BUNNYMEN - THE KILLING MOON / PETER GABRIEL - RED RAIN / THE HUMAN LEAGUE - HUMAN / THE JESUS AND MARY CHAIN - SOME CANDY TALKING / JOY DIVISION - THE ETERNAL / CHAKA KHAN - I FEEL FOR YOU / MADNESS - RETURN OF THE LOS PALMAS SEVEN / MEL AND KIM - RESPECTABLE / MY BLOODY VALENTINE - LOSE MY BREATH / NEW ORDER - EVERYTHING'S GONE GREEN / YOKO ONO - WALKING ON THIN ICE / THE PIXIES - GIGANTIC / THE PRETENDERS - DON'T GET ME WRONG / PRINCE - STARFISH AND COFFEE / THE PSYCHEDELIC FURS - HEAVEN / SIOUXSIE AND THE BANSHEES - DEAR PRUDENCE / SOFT CELL - TAINTED LOVE / THE SUGARCUBES - BIRTHDAY / SUZANNE VEGA - SMALL BLUE THING / TOM WAITS - IN THE NEIGHBOURHOOD
.......................................................

Ed ecco come Robert ha commentato ogni song (trascizione da COF

Tom Waits - In the Neighborhood (We have to stop somewhere, and where better than alphabetically? Finally, from one of the greats, a song from Swordfish Trombones, an album that drowned post-Cure show ? around the world, through the 1980s and beyond. The very magical Tom Waits and In The Neighborhood.)

Suzanne Vega - Small Blue Thing (Next is one of the most beautiful songs from one of my all-time favorite artists. Cool and smooth and curious. This is Suzanne Vega with Small Blue Thing.)

Sugarcubes - Birthday (Next up is one of those Peel show songs. Like White Riot, or Alison, or One World, or Waiting In Vain, where I just stopped, and listened. This is The Sugarcubes. The Sugarcubes and Birthday.)

Soft Cell - Tainted Love (The next song is a bit of an obvious pick. It's probably on more 80s collections than any other song I can think of, but it does, somehow, for 3 short minutes, manages to whirl me back 27 long years. This is Soft Cell and Tainted Love.)

Siouxsie & The Banshees - Dear Prudence (It was going to be a song called Christine, which is a gorgeous song, but then I came over all psychedelic and sentimental. So, from Robert Smith & the Banshees, this is Dear Prudence.)

Psychedelic Furs - Heaven (Next up is another seminal 80s track but so much more than that. Another really outstanding band, instantly recognizable sound, 3 great albums in a row, cool tunes, cool words, cool shades, so how come Richard Butler didn't end up owning the world, too? This is the Psychadelic Furs, and Heaven.)

Prince - Starfish & Coffee (Psychedelic rhymes, backwards drums, harp drills, hand tambourines, surf harmonies. This is so 196...80s, it hurts. From one of the really great albums of the decade, this is a song that reminds me of a particularly lovely time in my life. Prince, with Starfish & Coffee.)

The Pretenders - Don't Get Me Wrong (Next is another of those songs that just jumps out and gets you. It doesn't happen that often, but when it does, ow!, love at first listen. One of the best feelings in the world. Voice, melody, structure, and the sound of this song. Don't Get Me Wrong, The Pretenders.)

The Pixies - Gigantic (Next up from another one of the best bands I ever saw or heard, going on after them on the Prayer Tour in 1989 pushed the Cure to a new level and they'd really only just started! This song sounds heartfelt, effortless, carefree, gorgeous and fun, and it always makes me feel very very happy. Cue the best stick-click intro ever, this is the Pixies, and Gigantic.)

Yoko Ono - Walking On Thin Ice (The next up is yet another post-show Club Smith 3 am favorite, one of the all-time great weird late night singalongs. I, I, I love this song, even the rap bit! This is Yoko Ono, Walking on Thin Ice.)

New Order - Everything's Gone Green (Next up is another song that was a Steve Severin "Clockwalk Club flap Christmas" (?) staple. I hold on to my picture of this as it was then - possible and New Order, Everything's Gone Green.)

Mel & Kim - Respectable (What can I say about the next song? One of those secret, guilty pleasures? Except it's not secret and I don't feel guilty, BUT it is a pleasure, not many days went by on the Cure Kiss Me tour in 1987 when this wasn't played very very very loud. Mel and Kim, Respectable.)

My Bloody Valentine - Lose My Breath (Next song up an absolutely beautiful piece of music from one of my all time favorite groups. I particularly love the way in this song that the sound of every breath being taken is the loudest thing in the mix. Absolute genius. This is My Bloody Valentine and Lose my Breath.)

Madness - Return of the Lost Palmas Seven (The next song's one of those "I can't help it, I just love it" things. 2 and a half minutes of "sharp suited, out with the naughty boys, good time music" Another song I almost learned to dance to, this is Madness, with the Return of the Los Palmas Seven. Waiter.)

Chaka Khan - I Feel For You (There were more than a few songs in the same kind of style as the next one. Whatever the kind of style is or was. And in the right place, at the right time, in the wrong mind, I could really enjoy this kind of style a lot. This song in particular stuck with me, as it was, and is, one of the best examples of this kind of style. Despite the rapping. )

Joy Division - The Eternal (Another song that would have to be in my Top 30 of all time. Although this is the sound of the end of the 70s, it was the sound of the start of the 80s. It's effects on me as an artist, and an individual, were pretty profound. It's one of the saddest, and best, songs I ever heard. This is Joy Division and The Eternal.)

Jesus and Mary Chain - Some Candy Talking (The 1960s via the 1970s via the 19880s or something. So much fun, too much fun. This is the Jesus and Mary Chain, Some Candy Talking.)

Human League - Human (From one of the giants of the 1980s, yet another song that would be there in my Top 30 of all-time, I think. The group that kind of did what we did. Went from underground to overground. As soon as I heard this song, I fell in love with it. And despite, or maybe because of, the four line Yorkshire rap in the middle, I still love it. Very loud and very often. This is The Human League with Human.)

Peter Gabriel - Red Rain (While Sledgehammer caused a much bigger stir, it was this next song that moved me a lot more. Another seminal sound & vision. The vast gated drum reverb, the auto wah sub-bass, and on top of it all, the voice of Peter Gabriel singing Red Rain.)

Echo & The Bunnymen - Killing Moon (Next is another song that would make my Top 30 of all-time, I think. One of the mysteries of the 1980s, as a decade, is how it ended up with so many idiots on top. How come Ian McCulloch didn't trip? until 1990 ruling the world? This is Echo & the Bunnymen and The Killing Moon.)

Dinosaur Jr. - Freak Scene (Would make his Top 30 of all time. The sound of the 80s turning into the 90s. One of the best guitarists he's ever seen.)

Depeche Mode - Personal Jesus (Really fun watching them grow from a tiny synth pop band into a huge synth rock band, with at least one great single on every album. This is probably one of the best.)

D.A.F. - Sex Unter Wasser (Another Severin flat memory. This had a strange influence on the Glove project, but he's not quite sure how.)

Christina - Things Fall Apart (takes him back to Steve Severin's flat during Christmas 82.)

Cocteau Twins - Persephone (played their album Treasure as he was getting ready on his wedding day.)

Kate Bush - Cloudbusting

Bananarama and Funboy 3 - It Ain't What You Do (It's the Way that You Do It)

David Bowie - Lets Dance

The Associates - Tell Me It's Easter on Friday

ABC - Look of Love

Online disintegration

  • Dark man
  • Curefan Master
  • *****
  • Posts: 1850
  • Karma: 54
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #1 on: May 27, 2009, 11:42:32 »
Bella intervista, molto interessante, grazie!  :smth023
Datemi un cielo per caderci dentro!
SOLO LA TERNANA!
http://www.ternanashirts.it/
LADY, la luce nel mio buio!

Offline Lady

  • scared princess•*¨•.¸♥ golden hair
  • Staff Member
  • Curefan Master
  • *****
  • Posts: 1675
  • Karma: 83
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #2 on: May 27, 2009, 11:48:10 »
Bella intervista, molto interessante, grazie!  :smth023
Sì a parte il dare degli "scemi" a chi si fa 12 ore di fila ai cancelli solo x loro...
Anche se detta in senso bonario,per me se la poteva pure risparmiare... :?
I BELONG TO THE CURE!♥
Lost forever in a happy crowd!
I will kiss you forever on nights like this, I will kiss you, I will kiss you...and we shall be together...
CUREFANS.COM RULEZ!:D

Online disintegration

  • Dark man
  • Curefan Master
  • *****
  • Posts: 1850
  • Karma: 54
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #3 on: May 27, 2009, 11:50:10 »
Vabbè, in senso scherzoso, lui sicuramente ne sarà felice!
Datemi un cielo per caderci dentro!
SOLO LA TERNANA!
http://www.ternanashirts.it/
LADY, la luce nel mio buio!

Offline faith77

  • Newfan
  • **
  • Posts: 230
  • Karma: 2
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #4 on: May 27, 2009, 21:00:58 »
Grazie per la trascrizione in italiano!  :smth023
Dai, sì! E' una bell'intervista!!!
Mi fa stano, però, leggere dei rapporti all'interno del gruppo... che le loro vite oggi sono separate e, in un certo senso, distanti... un discorso simile mi dà proprio la percezione del trascorrere del tempo...  :(
"It's easier for me to get closer to heaven than ever feel whole again"

Offline plainsong16

  • Curefan
  • ****
  • Posts: 506
  • Karma: 6
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #5 on: May 29, 2009, 01:46:09 »
si,lady; scemi, in questo senso si dice nel senso piu' bello del termine. gli 'scemi' sono i pazzi che li hanno seguiti dovunque e comunque. e ce ne sono credimi..........ehm,e' probabile per esempio che io sia uno di quelli :smth069
in ogni caso quest'intervista che ho scaricato ,ma che devo ancora ascoltare,mi ha rassicurato molto,a voi no?
ciao ti saluto!!!!!!

Online disintegration

  • Dark man
  • Curefan Master
  • *****
  • Posts: 1850
  • Karma: 54
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #6 on: May 29, 2009, 10:45:15 »
Il nuovo album avrà più tastiere..... chissà, rivedremo un tastierista?  :roll:
Datemi un cielo per caderci dentro!
SOLO LA TERNANA!
http://www.ternanashirts.it/
LADY, la luce nel mio buio!

Offline Lady

  • scared princess•*¨•.¸♥ golden hair
  • Staff Member
  • Curefan Master
  • *****
  • Posts: 1675
  • Karma: 83
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #7 on: May 29, 2009, 18:03:00 »
Sì è vero Carlo...è un'intervista rassicurante. ;)
In realtà a me Robert mette molta tranquillità ogni volta che rilascia un'intervista, chissà perché... :roll:
I BELONG TO THE CURE!♥
Lost forever in a happy crowd!
I will kiss you forever on nights like this, I will kiss you, I will kiss you...and we shall be together...
CUREFANS.COM RULEZ!:D

Offline alwaysprayingforRAIN

  • don't give a f...urther thought to things like feet...
  • Coolfan
  • ***
  • Posts: 296
  • Karma: 19
  • ...Let's get happy!!!
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #8 on: May 29, 2009, 18:34:48 »
does anybody know if there's a english version of the interview ??? apparently I'm to stupid to find it...   :oops:
Say hello on a day like today
Say it every time you move
The way that you look at me now
Makes me wish i was you

Offline chinesewhispers

  • Newfan
  • **
  • Posts: 127
  • Karma: 11
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #9 on: May 29, 2009, 19:00:48 »
does anybody know if there's a english version of the interview ??? apparently I'm to stupid to find it...   :oops:

no
sorry, this is a transcription in italian language from a french version  :(

....................
sì, l'intervista potrà pure essere rassicurante.........il problema è vedere quale anno di poi si avvereranno tutte le cose che ha detto.
riguardo alle tastiere (mi sa che ci prende un pò per i fondelli considerata la grande richiesta delle stesse da più parti) in una foto degli esordi del lavoro in studio del uhm 2007, si vedeva sul fondo una tastierina che in molti definirono alla 'bontempi', mi sa che le parti di tastiera le fa lui o porl o (male che vada) su sorella!!  :lol:

la cosa interessante è la top 80..............aha ha ancora ce l'ha con i Simple Minds, e ancora ignora U2 e Duran Duran dopo tutti questi anni...........caro Robert le band seminali anni 80 sono altre (fatta eccezione per i DM che ha incluso).

Offline alwaysprayingforRAIN

  • don't give a f...urther thought to things like feet...
  • Coolfan
  • ***
  • Posts: 296
  • Karma: 19
  • ...Let's get happy!!!
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #10 on: May 29, 2009, 21:01:10 »
thanks anyway and now it's ok. i found a recorded version. it's in mp3 unfortunately but  for an interview that's fine :)
Say hello on a day like today
Say it every time you move
The way that you look at me now
Makes me wish i was you

Offline plainsong16

  • Curefan
  • ****
  • Posts: 506
  • Karma: 6
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #11 on: May 30, 2009, 00:30:30 »
non credo che il disco, esca cosi' poi tanto tardi.ricordati chinesewhispers,che il nostro robert non e' piu' cosi' piccolo.e' vero che i ritardi sono all'ordine del giorno,ma cerca di essere meno polemico.
la top 80 e' o no una classifica di gusti personali? e' come se a te dicessero che i Cure facciano schifo.e poi il nuovo disco degli u2 lasciatelo dire;e' proprio brutto!!!

Offline Lady

  • scared princess•*¨•.¸♥ golden hair
  • Staff Member
  • Curefan Master
  • *****
  • Posts: 1675
  • Karma: 83
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #12 on: May 30, 2009, 11:31:07 »
"Ciò che è bizzarro è che in concerto stiamo attenti al pubblico"

Verissimo. Ho notato anche io questa cosa, specie negli ultimi live, compreso quello a s.giovannni. Robert prestava molta attenzione al pubblico, sorrideva quando lo salutavamo o se mostravamo entusiasmo particolare x un pezzo, "interagiva" col suo pubblico insomma, quasi fosse uno di noi...trovo sia una cosa bellissima, nei vecchi live invece  (almeno a giudicare dai dvd) mi dava l'impressione di esssere più "freddo" e di essere perso in un mondo tutto suo mentre cantava, che, per carità, è un suo sacrosanto diritto, ma io lo preferisco così! :-D
I BELONG TO THE CURE!♥
Lost forever in a happy crowd!
I will kiss you forever on nights like this, I will kiss you, I will kiss you...and we shall be together...
CUREFANS.COM RULEZ!:D

Offline faith77

  • Newfan
  • **
  • Posts: 230
  • Karma: 2
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #13 on: May 30, 2009, 16:35:05 »
Sono d'accordo con Carlo, non credo che il disco uscirà poi tanto tardi...
E non sono nemmeno convinta che il ritardo finora accumulato sia colpa esclusiva di Robert...
Eccezion fatta per le parti cantate, che a registrarle non credo ci voglia una vita, le canzoni sono pronte da tempo, questa intervista lo conferma... E ricordate quella fatta a Berlino, l'anno scorso, a Simon (allora biondo!), Porl e Jason? Tutti parlavano di più di trenta brani ormai pronti, in parte finiti in 4:13 Dream, e che andavano "stabilizzati"...
Ricordiamo, inoltre, che il disco doveva uscire come doppio e questo si diceva ancora poco tempo prima della pubblicazione di 4:13 Dream... e ciò, evidentemente, sta ad indicare che la preparazione del disco (doppio!) era in dirittura d'arrivo...
Sotto i continui rinvii (e la divisione del disco in due parti), secondo me, c'è qualcosa che non dipende tanto dalla volontà del gruppo...
"It's easier for me to get closer to heaven than ever feel whole again"

Offline plainsong16

  • Curefan
  • ****
  • Posts: 506
  • Karma: 6
Re: Intervista a Robert su Sirius
« Reply #14 on: May 30, 2009, 18:57:14 »
e' vero Lady,e' qualche tempo che Robert e' un po' piu' aperto col pubblico.si nota dalla predisposizione nei live.
fino almeno al 1996 credo,e' stato sempre un po' piu' sacrale;e' stato tutto cio' che ha portato il gruppo(per loro volere)verso quella consistenza e a quello spessore,che di conseguenza li ha resi cosi' importanti.
a dopo. tutto vero anche cio' che dice faith 77.